A chi è rivolta

A chi cerca un percorso di crescita personale… l’immagine e la sua genesi creano consapevolezza.

A persone in situazioni di vita difficili… l’immagine come specchio rende visibile e può rilevare anche delle risposte. Come in un laboratorio l’agire simbolico permette di sperimentare delle possibili soluzioni.

A chi ha delle necessità particolari come autismo o la sindrome di down… l’immagine come mezzo per rinforzare la consapevolezza delle proprie potenzialità. Con i diversi materiali ci si appropria del mondo.

A persone che soffrono di un disagio psichico o psichiatrico… l’immagine contiene, ricompone, attraverso l’immagine è possibile entrare in un dialogo al di là della parola.

A persone anziane che soffrono della malattia di Alzheimer o Parkinson… l’immagine contiene la memoria, è un atto creativo in un momento in cui questa dote umana sembra andare a perdersi. Il lavoro con materiali e colori riporta in contatto con la propria manualità.

L’arteterapia lavora con persone di tutte le età, a partire dall’infanzia.